COME LAVORARE E GUADAGNARSI LA FIDUCIA:MARINALEDA!

16 febbraio 2017 Pubblicato da Redazione

x

 

Come lavorare e guadagnarsi la fiducia: l’Italia di oggi!

L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, il primo articolo della costituzione sancisce in maniera inequivocabile il diritto al lavoro come fondamento del nostro modello di vita. La domanda che ci facciamo subito come magazine che parla di lavoro e cerca di dare una risposta è quanto di vero ci sia ancora in questa frase. Forse sarebbe più giusto dire che l’Italia è una Repubblica fondata oggi sulla disoccupazione.

marinalendaCome lavorare e guadagnarsi la fiducia sembra proprio una frase lontana dalla nostra realtà. Il lavoro oggi è a tutti gli effetti una vera e propria emergenza sociale. La politica parla di jobs act ma forse il problema è un altro. In un paese di tasse molto elevate, di aziende che riescono con grande fatica a rispettare le scadenze, parlare di lavoro vuol dire fare i conti con una realtà molto dura e concreta.

Si fa fatica a trovare lavoro, si fa fatica a mantenerlo, si fa fatica a fare dei progetti che abbiano un arco temporale molto lungo. Tutto è incerto, tutto è in perenne discussione, ogni cosa sembra non essere al posto giusto. La domanda vera è dov’è finito quel bel paese che conoscevamo?

Difficile rispondere, l’Italia sembra un paese oggi ingessato dalla crisi, fatto di persone che hanno paura di perdere il lavoro. La domanda vera che ci dobbiamo fare è se esiste un paese dove la parola come lavorare e guadagnarsi la fiducia abbia ancora un senso.

Come lavorare e guadagnarsi la fiducia: Marinaleda la risposta!

La Spagna, un paese che alcuni dicono essere in maggiore difficoltà rispetto all’Italia, crisi economica, poco lavoro e incertezza occupazionale sono il presente degli spagnoli. Eppure sono un popolo ancora ottimista, credono che il loro futuro possa cambiare, migliorare. Rip0rtare indietro le lancette del tempo non è possibile, quello che possiamo fare è sperare che le cose in futuro migliorino.

Intanto la Spagna si distingue da noi, esiste un paese dove il sindaco che si chiama  Juan Manuel Sànchez Gordillo ha fondato un sistema economico basato su un principio molto semplice: cooperazione.

Il socialismo in tempi di crisi sembra proprio tornare di moda, da circa 30 anni il sistema economico si basa principalmente sull’agricoltura e garantisce una sorta di piena occupazione per tutti i suoi abitanti. Parliamo di una piccola comunità rurale di circa 2700 abitanti.

La disoccupazione non esiste, mentre il mondo fuori basa l’economia sul principio della competizione globale, qua il mondo sembra essersi fermato, la popolazione lavora e vive secondo in principio che è l’esatto opposto: quello dello cooperazione.

In un mondo che corre sempre di più, una piccola comunità sopravvive vivendo dei prodotti della propria terra, coltiva e produce di tutto. La disoccupazione non esiste, per volontà politica e basandosi sul principio di creare una sorta di utopia, questa piccola comunità vive dei prodotti della terra.

A Marinaleda di producono peperoni, carciofi, legumi e olio di oliva. Tutti percepiscono lo stesso salario, circa 47 euro al giorno. Se il tempo diventa inclemente e il raccolto va male si lavora di meno ma lavorano sempre tutti.

Il Welfare di Marinaleda permette a tutti i cittadini di potersi costruire una casa di 90 metri quadrati dando un anticipo pari a 15 euro. Per ripagare la casa bisogna mettere a disposizione della comunità la propria forza lavoro.

Nella Spagna stretta nella morsa dell’austerità, questa piccola comunità ha risposto alla crisi con un modello sociale che regge e fa vivere in maniera dignitosa tutti. Mentre da molti fronti questo modello viene additato come folle, la piccola comunità regge alla crisi e vive in maniera alternativa.

Non è facile ma questo dimostra che la volontà politica può veramente operare dei cambiamenti radicali nel modo di vivere delle persone.

 

x

 

x

 

 

 

x

 

 

Comments are closed.



         

Advertise Here

 

 

 

 

 

Advertise Here

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei Cookie      Ulteriori informazioni