Il Curriculm: biglietto da visita

Il curriculum vitae rappresenta a tutti gli effetti il nostro biglietto da visita, una sorta di carta di identità elettronica che per sua natura dovrebbe identificare la persona che siamo, certamente in questi ultimi anni ha acquisito una importanza maggiore.

Il motivo è presto detto e semplice da intuire, l’offerta di lavoro, di manodopera intellettuale o fisica qualificata, ha superato di gran lunga quelle che sono le attuali offerte di lavoro, per questo motivo è diventato necessario costruire un percorso coerente con l’azienda alla quale decidiamo di presentarci.

img_cvUn curriculum anonimo, basato su una semplice cronologia di esperienza accumulate nel corso del tempo non è certamente utile in questi termini, il selezionatore d’azienda per sua stessa natura ha una necessità specifica e urgente.

Fare una prima scrematura tra una serie di curriculum che sono arrivati per fare in modo tale che quelli selezionati, corrispondano per informazioni fornite, esperienze di lavoro acquisite e profilo comportamentale, il più possibile alla ricerca in atto.

Solitamente su una quantità di curriculum pervenuti via mail, il selezionatore in fase di prima scrematura cerca di individuare i profili più idonei, questo consente di restringere la rosa dei potenziali candidati che verranno poi convocati.

Successivamente in fase di selezione, ci sarà una ulteriore scrematura che andrà a determinare sulla base del curriculum stesso, quelli che sono i punti di forza e di debolezza di ogni singolo candidato, la fase della selezione è in ogni caso successiva.

Molto spesso, per pigrizia o semplicemente per noncuranza non prestiamo molta attenzione al curriculum, un errore a tutti gli effetti, infatti la competizione e la ricerca di posti di lavoro ha resto ogni fase molto importante.

La prima cosa da fare è da questo punto di vista è una analisi approfondita e accurata di ogni aspetto che riguarda un possibile approccio ad un datore di lavoro, il fatto che il livello di pretesa e esigenza del datore medesimo si sia elevato, rende l’attenzione ad ogni piccolo dettaglio molto importante.

Informazioni scritte in maniera confusa rendendo fruibile solo a noi stessi il curriculum non aiutano, dall’altra troppe informazioni male organizzate, rendono difficile la lettura del nostro curriculum e se le selezioni hanno tempistiche serrate, possono determinare una penalizzazione del nostro profilo professionale.

Oggi il mondo del lavoro richiede attenzione ai dettagli, un buon curriculum ha prima di tutto una struttura ordinata, le esperienza sono descritte in maniera non eccessivamente sintetica,  ma neanche troppo ricca di informazioni, deve per prima cosa rappresentare un compromesso.

Si deve basare su un equilibrio tra quello che deve rispecchiare e dall’altra deve essere un documento fluido e scorrevole che sia piacevole da leggere. Nei prossimi post affronteremo una serie di aspetti molto importanti ai fini di una corretta compilazione.

Ecco alcuni testi consigliati:

                     

 

         

Advertise Here

 

 

 

 

 

Advertise Here

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito accetti l'utilizzo dei Cookie      Ulteriori informazioni